Translate

venerdì 9 agosto 2019

Il Passaggio di Dio


Il profeta Elia, in fuga, si rifugia in una caverna sul monte Oreb:
Ed ecco che il Signore passò. Ci fu un vento impetuoso e gagliardo da spaccare i monti e spezzare le rocce davanti al Signore, ma il Signore non era nel vento. Dopo il vento, un terremoto, ma il Signore non era nel terremoto. Dopo

martedì 21 maggio 2019

Risorto


“La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore” (Vangelo secondo Giovanni 20,19).

Le prime parole di Gesù risorto

venerdì 29 marzo 2019

Verso la Pasqua


                                                                   Briciole di Luce 3/2019
Un altro modo di dire: “Convèrtiti!”

lo grida Isaia, il profeta: 
«Nel deserto preparate la via al Signore,
spianate nella steppa la strada per il nostro Dio. Ogni valle sia innalzata,ogni monte e ogni colle siano abbassati;
      il terreno accidentato si trasformi in piano

      e quello scosceso in vallata (Isaia 40,3-4).

domenica 10 marzo 2019

Insegnare...

Vangelo di Marco 6,30-34
 Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po'». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose.

Gesù a Nazareth

C’è gran fermento a Nazareth: è tornato Gesù, il figlio del falegname! Alcuni dicono che è stato in Giudea dove ha ricevuto il battesimo di Giovanni, ed è avvenuto qualcosa di insolito. La madre in special modo, trepidante, gli avrà forse detto: “Figlio, come sei cambiato!
Quel sabato Gesù entra nella tranquilla sinagoga di Nazareth e si alza a leggere. Cerca e trova nel rotolo del profeta Isaia le seguenti parole:

giovedì 7 febbraio 2019

Gioia!



In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli... (Marco 6,7).

Gesù ci chiama a sé in un abbraccio di  preghiera profonda che arriverà a pervadere tutta la giornata, inondandoci di gioia contagiosa. E poi ci manda agli altri per trasmettere la Sua gioia.

venerdì 14 dicembre 2018

Canto di fiducia


In te, Signore, mi sono rifugiato, mai sarò deluso;
per la tua giustizia salvami.
Porgi a me l'orecchio, vieni presto a liberarmi.
Sii per me la rupe che mi accoglie, la cinta di riparo che mi salva.
Tu sei la mia roccia e il mio baluardo, per il tuo nome dirigi i miei passi.
Scioglimi dal laccio che mi hanno teso, perché sei tu la mia difesa.
Mi affido alle tue mani; tu mi riscatti, Signore, Dio fedele.
Tu detesti chi serve idoli falsi, ma io ho fede nelSignore.
Esulterò di gioia per la tua grazia, perché hai guardato alla mia miseria,
hai conosciuto le mie angosce; non mi hai consegnato nelle mani del nemico, hai guidato al largo i miei passi.
(Salmo 30/31).                               
È questa una preghiera dei hasidim, letteralmente «i fedeli», cioè coloro che rispondono alla fedeltà amorosa di Dio (in ebraico hesed).
La parte qui riportata (vv. 2-9) è appunto segnata da questo spirito. L’intero salmo accosterà a questo canto della fiducia, un canto del dolore e della persecuzione (vv. 10-19), per sfociare poi in un canto di gioia e di speranza (vv. 20-25).
Rifulgono qui le tre virtù fondamentali: stare saldi nella fede, sperare sempre, amare il Signore (vv. 24-25).  (cfr. Turoldo Ravasi, Lungo i fiumi).

Il prossimo Cenacolo sarà: Lunedì 07 gennaio 2019 alle ore 18 in Corso Peschiera 192/a – Torino. Vi sarà la Lectio divina sul Vangelo di Luca 6,12-19, condivisione e preghiera di meditazione. L’incontro è aperto a tutti                                                                                                                             

mercoledì 7 novembre 2018

La preghiera del cuore


Prima di tutto riconosci che la preghiera è dono e che hai sempre bisogno di imparare a pregare.
La preghiera del cuore è un cammino spirituale serio, ma che ti aprirà le porte della vita spirituale profonda, se tu avrai l'umiltà e il desiderio concreto di imparare: si potreb­be anche chiamare: preghiera di silenzio o preghiera contemplativa.
Per arrivare alla vetta biso­gna camminare decisi nella preghie­ra del cuore. Abituati ogni giorno a dedicarvi un quarto d'ora e impegnati:
- a rilassarti: sta seduto o sta in ginocchio, ma ben rilassato;
- chiudi gli occhi;
- concentra il tuo pensiero sulla presenza di Dio in te. Gesù ha detto: "Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui" (Gv 14,22).
Concentrati per esempio sulla presenza in te dello Spirito Santo, e scegli una parola da ripetere inces­santemente come: "Spirito Santo, aprimi all'amo­re"oppure "Spirito Santo, io ti amo" o semplicemente "Spirito Santo!"
Oppure, concentrati sulla presen­za di Gesù in te e prega ripetendo, se credi: "Gesù Salvatore, salvami" op­pure "Gesù, io ti amo" o semplice­mente "Gesù!"
Oppure concentrati sulla presen­za del Padre in te e prega ripetendo, se credi: "Padre mio, mi abbandono a te" oppure "Padre, io ti amo" o sempli­cemente "Padre!"
Al termine del quarto d'ora di intimità con Dio, fatti questa do­manda:
Signore, qual è la gioia che pos­so dare oggi a chi vive accanto a me?
Signore, qual è la tua volontà su di me, oggi?
La preghiera del cuore non deve mai trascurare la preghiera di ascol­to. E' la Parola di Dio la linfa vitale della preghiera cristiana. La pre­ghiera del cuore è il momento cul­minante dell'ascolto. Ogni giorno prega il Vangelo della Liturgia del giorno collegandolo sempre alla tua vita concreta. Da quel Vangelo tro­va una parola/messaggio che utiliz­zi per fare la preghiera del cuore rivolto al Padre, o al Figlio, o allo Spirito Santo, presenti in te.
Sii costante e toccherai con mano la potenza della preghiera del cuore sulla tua vita.
(cfr. Padre Andrea Gasparino)

                                                             _____________

Lunedì 3 dicembre la Lectio divina sarà guidata dal diacono dott. Paolo De Martino, referente diocesano Settore Apostolato Biblico. Siete tutti invitati per le ore 18 in Corso Peschiera, 192/a – Torino.  Si consiglia di portare la Bibbia.



                       info@movimentodellimmacolata.it
                       Tel. 3339988827 – 3331874182

sabato 13 ottobre 2018

Attirare


Trarre a sé. In senso figurato ha un valore intensivo riguardante i sentimenti: coinvolge in una simpatia reciproca.
Gesù ebbe a dire : «E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me» (Gv 12,32).
Questa espressione, per l'evangelista Giovanni, significa contemporaneamente
“essere innalzato in croce” ed “essere glorificato”. L’amore che ha spinto Gesù a non tirarsi indietro di fronte alla morte in croce, è così forte che sboccia nella risurrezione e frutta l'attrazione di tutti a lui.
Naturalmente la nostra libertà è salva. Non si può imporre l’amore. E’ una libera scelta.

giovedì 4 ottobre 2018

Tenerezza



"Abbiamo fame di tenerezza, in un mondo dove tutto abbonda ma siamo poveri di questio sentimento che è come una carezza per il nostro cuore. Abbiamo bisogno di questi piccoli gesti che ci fanno stare bene. 
La tenerezza è un amore disinteressato e generoso, che non chiede nient’altro che essere compreso e apprezzato".

(tratto da Alda Merini, L'altra verità - Diario di una diversa, Liosite.com)
 

Quanto sono vere queste parole! Nessuno si potrà mai pentire di aver dato troppa tenerezza!